Communication

Fast Knowledge

Deep Knowledge

Training

Sul podio all’Expo

Terzo posto per Gabriele Caiazzo e la sua mano robotica.

Nell’ultima settimana di Expo, al Padiglione di Israele è stato assegnato un premio dedicato ai giovani che realizzano progetti innovativi dedicati ai più anziani. È il premio “Youth for the Elderly”, assegnato insieme da Ernst&Young e Hype (Youth Startup Foundation), alle start up più innovative nel campo di progetti dedicati alle persone più anziane.

 

Al  contest hanno partecipato 36 scuole da 22 paesi, fino alla scrematura di sette concorrenti in arrivo da Israele, Italia, Macedonia, Montenegro, Romania e Stati Uniti. Il premio è stato consegnato da Donato Iacovone, managing partner di Ernst&Young per Italia, Spagna e Portogallo, al padiglione israeliano di Expo.

 

A contendersi il podio per il progetto più innovativo il Managery Otimizing Memory ideato dal team degli Stati Uniti (un sistema pensato per le persone anziane per ottimizzare la memoria), la mano robotica Handy Hand realizzata dal team italiano, ChairWaze (un sistema innovativo per le sedie a rotelle) e Hand N Hand, un nuovo social network, sviluppati da due team israeliani, la SeniorApp dedicata ai più anziani per facilitarne la comunicazione disegnata dal team rumeno, Elder Watch, l'orologio tecnologico per le emergenze pensato dal team macedone e infine il robot amico Dan della squadra montenegrina.

 

Gabriele Caiazzo, studente dell’IIS Carlo e Nello Rosselli di Aprilia (Latina), ha portato l’Italia sul podio. La mano robotica, denominata "Hardy Hand", progettata da Gabriele e presentata in anteprima alla RomeCup 2015, si classifica al terzo posto.

 

Del successo di Gabriele e della scuola che lo ha formato continua a parlare anche la stampa locale. Scrive Aprilia News:

“La mano robotica per la giuria qualificata è dietro solo ai progetti presentati da Stati Uniti e Israele. La protesi robotica è pensata per aiutare le persone con disabilità motorie e in grado di copiare tutti i movimenti di una mano. Il progetto partecipa inoltre al programma Meet no Neet, promosso da Microsoft e Fondazione Mondo Digitale per diffondere le competenze necessarie per l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani. Un prestigioso riconoscimento quindi per il giovane apriliano ma anche per la scuola che lo ha formato, l'Istituto Carlo e Nello Rosselli che negli ultimi anni, grazie ai suoi laboratori di robotica ed elettronica e a professori preparati e qualificati, è divenuto un punto di riferimento ed uno spazio dove formazione, creatività e innovazione viaggiano insieme. Insieme a Gabriele, hanno esposto i loro progetti, accompagnati dai professori di robotica ed elettronica Alfio Benedetti e Ada Seguino, anche altri studenti del Rosselli, che hanno così potuto confrontarsi con altre importanti realtà provenienti da tutto il mondo”.

 

 

Alcuni articoli dalla rassegna nazionale